Brioche dolce con le patate

Buonissima brioche da farsi con la macchina del pane oppure a mano (ovviamente così come tutte le ricette qui pubblicate), secondo tradizione. Morbido, genuino, profumato, gustoso: amo i pani dolci almeno quanto quelli salati, perché ritengo che la prima colazione o la merenda debbano essere momenti piacevoli, oltre che importanti dal punto di vista nutrizionale, per grandi e piccini. In un attimo le fette si possono scaldare, per esempio, nel tostapane e già solo il profumo darà la carica per iniziare o proseguire la giornata!

Ingredienti:

  • farina Manitoba gr. 500
  • patate lesse gr. 250
  • uova 3
  • burro morbido 150
  • zucchero gr. 50
  • sale cucchiaini 1
  • pasta di riporto gr. 120 (oppure 1 cubetto o 1 bustina di lievito di birra)
  • latte q.b.
  • granella di zucchero

peso totale circa gr. 1200.

Dopo aver lessato le patate, schiacciarle molto bene.

– Procedimento con la macchina del pane – 

Versare nel cestello prima le uova, il burro e poi tutti gli altri ingredienti, la farina per ultimo.

  • Se come agente lievitante si usa la pasta di riporto, avviare prima il programma di solo impasto e lievitazione, al termine del quale si imposterà il programma per pani dolci (consiglio questo doppio programma perchè il lievito naturale fa crescere gli impasti più lentamente).
  • Se invece si usa il lievito di birra, avviare direttamente il programma per pane dolce.

– Procedimento a mano – 

Alle patate lesse unire tutti gli altri ingredienti e lavorare bene. Porre l’impasto al caldo e coperto e far riposare un’ora. Riprendere il composto e lavorarlo dolcemente e per pochi minuti, poi riporlo nello stampo da plumcake o nella teglia col buco per ciambelle o dove si vuole e lasciarlo lievitare fino al raddoppio. Cuocere in forno già caldo a 180° per 50 minuti circa (controllare!). Qualsiasi procedimento si usi, dopo la cottura sformare delicatamente la brioche e lasciarla raffreddare su una griglia per torte.

NOTE:

  • Ho dovuto aggiungere all’impasto una punta di cucchiaino di lievito secco di birra perchè stranamente la mia pasta di riporto risultava un po’ “fiacca”.
  • L’impasto deve avere una consistenza molto elastica, appena appiccicosa.
  • Se lo stesso dovesse risultare troppo compatto o asciutto, aggiungere latte, un cucchiaio alla volta.
  • Volendo, poco prima della cottura, spennellare leggermente la superficie con pochissimo latte e versarvi la granella di zucchero.
  • Immediatamente prima della cottura l’impasto deve aver lievitato almeno fino al raddoppio di volume. Se ciò non fosse, spegnere o interrompere il programma, lasciare crescere il pane fino al necessario, avviare direttamente il programma “forno” (sola cottura) impostando un tempo di 1 ora.