Pan brioche alla Nutella

 Per la gioia dei più golosi ed amanti della Nutella, ecco questo delizioso pane dolce.

L’idea di questo pan brioche è nata da mio figlio e dai suoi compagni d’università che, dopo aver assaggiato ed apprezzato durante a colazione alcuni miei lievitati dolci, tipo la “Brioche Dolce Con Le Patate” ed il “Pancacao”, mi hanno proposto di crearne uno con la Nutella! 

Curioso come sono di natura, l’idea mi ha stuzzicato e non poco!!! 

E così ho subito sperimentato. 

Dopo aver considerato che la Nutella contiene zucchero al 60% circa e grassi al 30% circa, ho creduto che 150 gr. di questa delizia cremosa sarebbero stati sufficienti per il mio pane dolce. 

La crema ha già una componente liquida ma non sufficiente ad impastare 625 grammi di farina manitoba. 

Non sapendo in che modo l’impasto avrebbe effettivamente “reagito” con la Nutella e non volendo rischiare di aggiungere troppo liquido, ho pesato da parte 200 grammi di latte e li ho aggiunti, un cucchiaio alla volta, durante la fase d’impastamento. 

Il latte è servito tutto! 

Questo Pan brioche alla Nutella, come si può vedere, è venuto molto bene e, credetemi, anche buonissimo, morbidissimo, giustamente dolce… 

Sicuramente si potrebbe provare ad aumentare la percentuale di Nutella, diminuendo opportunamente quella di latte!

Mi dispiace solo che a mio figlio lo regalerò già tagliato ma non pubblico nulla nel mio blog che prima non sia stato sottoposto al mio personale esame “visivo”, fuori e dentro e (soprattutto) “gustativo” (heheehehehehe)!!!

Ingredienti: 

  • Nutella gr. 150
  • farina manitoba gr. 625
  • sale 1 cucchiaino
  • 1 cucchiaino di lievito secco di birra o 10 gr. di quello fresco
  • lievitino con 60 gr. di latte, 60 gr. di farina manitoba, mezzo cucchiaino di lievito di birra secco o 5 gr. di quello fresco, da preparare la sera prima
  • 2 uova
  • 1 bustina di vanillina
  • latte 200 gr. 

Peso totale circa gr. 1220. 

– Procedimento – 

Versare nel cestello, nell’ordine, il lievitino preparato la sera prima, il cucchiaino di lievito, le uova, la vanillina, la Nutella, il latte, la farina, il sale. 

Chi non volesse preparare il lievitino la sera prima, potrà aggiungere 1,5 cucchiaini di lievito di birra in polvere o 15 grammi di quello fresco, direttamente nel cestello o sciolto nel latte. 

Avviare il programma “impasto e lievitazione” (ore 1.30). 

Al termine avviare il programma per pane dolce. 

Come al solito, dopo la cottura, sformare e lasciare raffreddare su griglia per torte.

Be Sociable, Share!

4 thoughts on “Pan brioche alla Nutella

  1. Ciao sono Carla, complimenti per le tue ricette! Sto cercando una ricetta per il pan brioche per la macchina del pane e mi sono imbattuta nelle tue ricette ( soprattutto questa alla nutella) e mi hanno affascinato. Ho visto dalle foto che abbiamo la stessa macch del pane e vorrei chederti una cosa: quando parli della cottura e dici “impasto e lievitazione” e programma per pane dolce a quali numeri di programmi ti riferisci? Io non so se usare il 10 o 11 per l’impasto e il 6 o altro per il progr. dolce. Ma è proprio necessario usare due programmi? Rispondimi ti prego sono in crisi con questa benedetta brioche e vorrei che finalmente il mio lui si leccasse i baffi !! Grazie e complimenti. Carla

    • Ciao Carla, grazie molte per la gentile e gradita visita!
      “Impasto e lievitazione” è il programma 10, quello che in pratica ti permette di realizzare la pasta lievitata per poter fare poi la pizza.
      Il programma per pani dolci è il 6.
      Il programma 11 è per gli impasti a lunghissima lievitazione e sinceramente non saprei per quali usi sia destinato, una volta ho provato ad usarlo ed è successo che l’impasto diventò liquido e traboccò dal cestello!!!
      Siccome quando faccio il pan brioche mi piace usare pochissimo lievito (e questo lo avrai notato nelle ricette) devo per forza usare 2 programmi in modo tale da prolungare i tempi di lievitazione.
      Ovviamente questo richiede più pazienza, più attesa e più assistenza alla macchina.
      Ma nulla toglie che tu possa usare il metodo tradizionale, usando l’intera bustina di lievito secco (magari mescolato con la farina prima di versarla nel cestello) o il cubetto fresco (precedentemente sciolto nei liquidi) per un chilo di pane dolce, e avviare direttamente il programma 6.
      Se poi noterai che la dose intera di lievito è troppa, perché magari l’ambiente è bello caldo e quindi complice di lievitazioni troppo “esuberanti”, allora ti consiglio di diminuire la percentuale di lievito, il tuo pane ne guadagnerà in gusto.
      L’esperienza è tutto quindi non aver paura di provare.
      Scrivi su un quaderno ingredienti e quantità, ogni volta che vorrai apportare delle modifiche ad una ricetta, e magari il procedimento che avrai seguito.
      Poi, una volta cotto ed assaggiato il tuo pane, fai le dovute osservazioni: si ti ritieni pienamente soddisfatta allora è ok, se invece non ti convince allora segna sempre sul quaderno le ulteriori modifiche, migliorie, aggiunte per la volta successiva.
      Fammi sapere senza complimenti!!!
      Grazie ancora e serena notte…
      Francesco.

  2. Grazie mille di tutti i consigli. Sei veramente gentilissimo. Purtroppo ho avuto un infortunio al braccio destro e devo stare ferma 10 giorni, ma appena potrò sicuramente provo la tua ricetta…..non vedo l’ora. Grazie ancora.
    Carla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*